Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Tu sei qui:HomeRete Natura 2000

Cos'è

Cos'è

Natura 2000 è il principale strumento per la conservazione della biodiversità dell’Unione Europea che contribuisce a favorire lo sviluppo sostenibile ed una migliore qualità di vita dei cittadini europei. Infatti la tutela della biodiversità offre vantaggi sia diretti che indiretti all’uomo, in quanto permette il mantenimento o il ripristino dei Servizi Ecosistemici, nostro capitale naturale, grazie al quale la nostra specie può esistere.

Natura 2000 è diffusa su tutto il territorio dell’Unione Europea ed è costituita da una rete di aree in cui sono presenti specie ed habitat minacciate di estinzione o rare a livello comunitario. La “Rete Natura 2000” sostiene e promuove quelle attività umane che coniugano le esigenze economiche, sociali e culturali dei territori interessati con l’obiettivo di mantenimento delle specie ed habitat della Rete; è infatti proprio grazie ad alcune attività tradizionali come il pascolo o l'agricoltura non intensiva che è stato possibile mantenere specie di flora e di fauna minacciate di estinzione.

La Rete Natura 2000 è costituita da Siti di Importanza Comunitaria (SIC) - che a breve si trasformeranno in Zone Speciali di Conservazione (ZSC) - e da Zone di Protezione Speciale (ZPS) istituite rispettivamente ai sensi delle Direttive Habitat e Uccelli e alle quali si aggiungono le aree di connessione per la flora e la fauna selvatiche (canali di irrigazione, piccoli corsi d’acqua, stagni, ecc.). Per i siti compresi nella Rete Natura 2000 sono previste specifiche indicazioni di gestione nonché procedimenti valutativi specifici per Piani o Progetti, anche esterni ai siti della Rete, che possono produrre effetti determinanti sulle specie e gli habitat tutelati.

I Siti Natura 2000 presenti sul territorio nazionale sono in totale 2.564 ecoprono complessivamente il 21% circa del territorio nazionale. Le  schede e le cartografie dei SIC e delle ZPS possono essere scaricate dal sito del Ministero dell'Ambiente.